venerdì 28 ottobre 2011

La verità è... che non so pronunciare Kwapis


(L'ho scritto settimane fa ma mi dispiaceva lasciarlo lì anche se in parte ho già parlato di questo film qualche post fa. E poi la parte finale è "tratto da una storia vera", non mia ma comunque interessante)


Ma voi l'avete visto "La verità è che non gli piaci abbastanza"? Ecco. Sì, se non l'avete fatto NON fatelo. Perchè è un film di caccapupù. Insomma Haallliuud aveva la sua grande occasione, fare un film con i controcoglioni, pieno di roba interessante, contenuti quasi veritieri atti a dimostrare che fin da piccini ci raccontano un sacco di fregnacce.
Invece no. Perchè? Perchè è un film di Halliuuud (che poi sarebbe Hollywood). E i film di Halliud devono avere un finale di caccapupù, perchè sennò ci saranno centinaia di ragazzette frignanti a causa del mancato lietofine. Perchè sè è una commedia devi farla finire a cazzo, deve strabordare miele così da far venire gli occhi a cuoricino alle bimbette e l'ictus fulminante a persone normali come me.
Il film parte bene, carino, divertente, non convenzionale. Sembra anche finire bene quando BAAAAM. Tutto affanculo. Un'ora e mezza di belle parole buttate nel cesso.
"Tu sei la regola non l'eccezione" ma brutto cretino di uno sceneggiatore l'hai ripetuto per tutto il dannato film e poi ti fotti nel finale?
Sì. Perchè quelli di halliuuud hanno ben pensato che forse pareva figo che la protagonista alla fine si rivelasse l'eccezione e non la regola.
E mi sta sul cazzo questa roba.
La mia reazione è stata:


"Directed by Ken Kwapis"


"Ken Kwapis. Io. Ti. Odio."
E non è un'esagerazione della narrazione. L'ho detto per davvero.
Perchè stava lanciando un messaggio giusto. Se uno ti vuole ti si piglia. Non fa giochetti. Non temporeggia. Non fa roba tipo "Accellero, freno, ora ci infilo un complimento, freno, mi piaci, freno, no spè, cazzo hai capito?, patatola, non sei il mio tipo, addio, vaffanculo, oh rimaniamo amici, io ci tengo, ah no la roba degli amici era una stronzata, boh, sì, fanculo, o forse no". NON LO FA. E se lo fa è un IDIOTA. Ha un deficit mentale e quindi correte via più veloce dei neutrini.
Quindi Ken Kwapis. IO. TI. ODIO.


Baci ma anche no
Mia Samsa

3 commenti:

  1. utente anonimo28 ottobre 2011 08:20

    però cioècioè è stata tutta colpa tua perché io volevo una storia però ora non ho più la testa né il tempo quindi cioè in sostanza sei stata tu a non cogliere il momento giusto per ingabbiarmi

    RispondiElimina
  2. ahahahahahahah sto morendo!!! a me è piaciuto molto soprattutto per la protagonista che rispecchia molto i miliardi di donne depresse che passano le giornate ingozzandosi di dolci per colmare il vuoto che sentono e  guardando il telefono immaginando il suono dell vibrazione(ci sono passata pure io) . Per quanto riguarda il finale,era scontato che sarebbe finito bene altrimenti ci sarebbe stato un suicidio di massa da parte di quelle poverine  di donne! in fondo se anche nei film togliessero un margine di romanticismo e sogno a occhi aperti che camperebbero a fare?
    baci hilary

    RispondiElimina